Pop-up Image

GET THE GOOD STUFFS

Subscribe to the Walker mailing list

News e Press

l’Istria: l’olio d’oliva di migliore qualità

Guida Flos Olei: l’Istria stella di prima grandezza

anche quest’anno (il quarto consecutivo) l’Istria è stata proclamata la regione del mondo con l’olio d’oliva di migliore qualità

 

L’olio d’oliva unifica l’Istria. Letteralmente. Lo scorso mese, l’Unione europea ha concesso l’uso del marchio DOP “Olio extravergine di oliva – Istra” a tutti gli oli d’oliva della penisola, a prescindere dal Paese di origine del prodotto. Un riconoscimento per molti versi logico e dovuto. A farlo presente è stato il presidente della Regione istriana, Valter Flego, alla presentazione della decima edizione della Guida al mondo dell’Extravergine – Flos Olei. La “Bibbia” dei produttori dell’olio extravergine d’oliva è stata presentata ieri nella sala conferenze polivalente del nuovissimo Wine&Heritage Hotel Roxanich di Montona. All’evento hanno partecipato decine di produttori di olio d’oliva (molti i connazionali presenti), esperti di olivicoltura e rappresentanti delle istituzioni croate, italiane e slovene. Oltre a Flego alla cerimonia erano presenti Pierluigi Zulianello di Promoturismo FVG, un’Agenzia della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia, Peter Bolčič del Comune di Capodistria, il direttore dell’Ente per il turismo della Regione istriana, Denis Ivošević, nonché i responsabili della Direzione regionale istriana per il turismo e l’agricoltura, rispettivamente Nada Prodan Mraković ed Ezio Pinzan. Non è mancato all’appuntamento neppure l’autore della guida Flos Olei, Marco Oreggia, giunto dall’Italia assieme alla sua principale collaboratrice, Laura Marinelli.

La migliore al mondo

Nel porgere il suo saluto ai presenti Valter Flego ha rilevato con grande orgoglio che il versante croato dell’Istria si è aggiudicato per il quarto anno consecutivo il titolo di migliore Regione produttrice di olio d’oliva al mondo. “La nostra – ha proseguito – è anche la Regione con il maggior numero di olivicoltori elencati nella prestigiosa guida Flos Olei. Ciò costituisce la prova che gli oli d’oliva istriani sono rinomati e apprezzati a livello mondiale. Un fatto che ci riempie d’orgoglio”. Flego ha assicurato che gli sforzi profusi dall’Istria al fine di promuovere le sue eccellenze non si fermeranno. “Continueremo a lavorare al fine di tutelare anche gli altri nostri prodotti tipici. Non solo. Vogliamo sollecitare gli operatori del settore a puntare sull’agricoltura ecologica, contribuendo a far diventare l’Istria una Regione a vocazione biologica“, ha concluso Flego.
Gli ha fatto eco il presidente dell’Ente per il turismo della Regione istriana. Denis Ivošević ha assicurato che la Pro Loco è sempre pronta a sostenere progetti volti all’esaltazione delle eccellenze istriane. “Il progetto delle strade dell’olio extravergine d’oliva riflette alla perfezione il potenziale della collaborazione pubblico-privata“, ha notato Ivošević. “Il settore pubblico ha creato le condizioni per poter aumentare l’estensione delle piantagioni. Il settore turistico ha riconosciuto l’enorme potenziale dell’iniziativa. Ha promosso educazioni, sensibilizzato l’opinione pubblica, creando un prodotto che ha messo gli olivicoltori istriani nella posizione di dimostrare di essere tra i migliori al mondo“, ha spiegato l’operatore turistico.

Investire nella tecnologia

Marco Oreggia ha lodato la qualità e gli sforzi profusi dai produttori istriani – una realtà che ha iniziato a conoscere circa tre lustri fa –, al fine di migliorare la qualità dei loro oli. Li ha sollecitati a investire nelle moderne tecnologie, a puntare sull’agricoltura 4.0 e a scegliere con cura i mercati ai quali approcciarsi. “Evitate di compiere un passo più lungo della gamba“, ha suggerito. Nel corso del suo intervento Oreggia ha fatto presente che il tallone d’Achille dei produttori croati è costituito, a suo parere, dal packaging. “Si passa con disinvoltura dalle stelle alle stalle”, ha notato Marco Oreggia.
La Guida Flos Olei (i testi sono pubblicati in italiano e inglese) è una risorsa importante per gli amanti dell’olio d’oliva extravergine. Il volume offre una panoramica del Gota dei produttori di 52 Paesi e cinque continenti. I produttori croati citati nell’opera sono 81, di cui 79 istriani e due dalmati. Dei 500 oli extravergine censiti, il 15,8 p.c. proviene dall’Istria. Quasi tutti i produttori istriani hanno migliorato la qualità dei loro oli. L’Istria vanta 14 extravergine di qualità extra e 15 di ottima qualità.
L’Oleum Maris di Dignano si è aggiudicato il titolo di migliore azienda in fase di espansione a livello globale. Al termine della presentazione gli olivicoltori presenti, ai quali è stata consegnata una copia della Guida, hanno assistito alla conferenza di Duccio Morozzo della Rocca, che ha parlato di aromi e tecnologie di estrazione. L’evento si è concluso con una degustazione enogastronomica al ristorante del Wine&Heritage Hotel Roxanich.

– articolo del portale “LA VOCE” editfiume.info
Possiamo aiutarti?
Utilizza WhatsApp